Home / Beauty Line / Ossessione unghie!

Ossessione unghie!

serena-gualinetti-blu-8-cymk
Nella foto: Serena Gualinetti

Oggi tantissime donne italiane considerano le unghie una parte molto importante di sé, ritenendo la seduta dall’onicotecnica (cosi si chiamano le addette al trattamento delle unghie) un irrinunciabile appuntamento mensile. Fino a un paio di decenni fa le possibilità di abbellirle e decorarle non andavano oltre l’applicazione di semplice smalto. Cosa é cambiato in questi anni? Si sono affacciati sul mercato nuovi materiali che non si limitano a “verniciare” la lamina ungueale, ma sono in grado di creare un legame molto più forte con essa e, applicati con diversi strati, apportano un’incredibile resistenza agli urti, permettendo all’unghia di crescere senza spezzarsi! Da dove é arrivata questa tecnologia? Arriva ovviamente,come spesso accade, da quella “fucina di innovazioni e tendenze” che sono gli Stati Uniti!

chic-mano-1-cymkLe resine sintetiche (a base di acrilici) hanno iniziato a svilupparsi intorno agli anni ’50, pensate un po’, ad opera di un dentista, il quale pare che abbia utilizzato le sostanze resinose disponibili per il suo lavoro, per riparare un’unghia spezzatasi alla moglie. Da quel momento ci si rese conto dell’utilità, anche commerciale, della scoperta… Nacquero aziende produttrici, vere e proprie fabbriche, e un nuovo redditizio ramo dell’industria estetica, parallelamente ad una vera e propria ossessione per le unghie da parte di tantissime donne.  Ed ecco nelle grandi città degli States moltiplicarsi i famosi Nail Salon: negozi specializzati nel trattamento delle mani e dei piedi, che propongono servizi come la semplice manicure fino ad arrivare a vere e proprie ricostruzioni per rendere le unghie più lunghe.

IMG_6770In realtà il primo salone dedicato alla bellezza delle unghie nacque proprio a New York verso la fine dell’800 ad opera della signora Mary Cobb…ma allora e per molti anni avvenire, si trattava solo di un manicure tradizionale. Oggi ci sono 20.000 saloni di bellezza negli Stati Uniti, e 2.000 solo nella città di New York, dove ormai si parla di onicotecniche che lavorano continuamente e in serie, come vere e proprie operaie delle unghie, per adeguarsi alle leggi della domanda e dell’offerta. Solo molti anni più tardi, intorno agli anni ’90 il boom ha raggiunto l’Italia, dove assistiamo da 20 anni a questa parte ad una vera e propria invasione del mercato estetico, e ad una tendenza sfrenata ad unghie curate, colorate e decorate nella maniera più disparata, lungo tutto lo stivale da nord a sud!

E da qui cominceremo ad occuparci di questo importante settore, andando a ricercare come la tendenza si sia evoluta in maniera a volte indipendente e a volte no, nei due continenti, creando mode e modi di portare le unghie per le donne di ogni età!

di Irene Merlo

 

 

 

 © Riproduzione riservata

Guarda anche

Italian Vs American beauty bloggers: sfida all’ultima recensione

Fino a qualche anno fa le case cosmetiche spendevano molte delle loro risorse ed energie …

2 commenti

  1. Pure a me piacciono le unghie

  2. Pure a me piacciono le unghie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *