Oscar 2017: Fuocoammare di Gianfranco Rosi candidato come miglior documentario

Fuocoammare di Gianfranco Rosi

Nuovo anno per gli Academy più illustri del globo.

Sono state rese pubbliche le attese nomination. I candidati nelle 24 categorie sono stati annunciati alle 5:18 di questa mattina, orario del Pacifico (le 14:18 italiane).

L’89esima edizione degli Academy Awards si svolgerà il 26 febbraio al Dolby Theatre di Los Angeles. Showman della serata sarà il conduttore Jimmy Kimmel (che nel 2016 ha presentato anche gli Emmy).

Ad annunciare le candidature è stato il presidente dell’Academy Cheryl Boone Isaacs, affiancato da attori e attrici di sei città diverse del mondo (vincitori e candidati nelle edizioni precedenti): Jennifer Hudson, Brie Larson, Emmanuel Lubezki, Jason Reitman, Gabourey Sidibe e Ken Watanabe.

Tripudio di nomination per La La Land, il musical di Damien Chazelle, che vanta ben 14 candidature, record toccato nel 1998 dal colossal Titanic di James Cameron.

La La Land di Damien Chazelle

Seguono Arrival e Moonlight, entrambe in gara in 8 categorie.

E poi c’è l’orgoglio italiano di Gianfranco Rosi, che con il suo Fuocoammare si aggiudica la nomination come miglior documentario.

Rosi, già Leone d’oro a Venezia con Sacro Gra, ha girato Fuocoammare durante un anno di soggiorno sull’isola siciliana di Lampedusa. Il lungometraggio racconta la vita cruda e senza respiro dal punto di vista dei migranti, unito a quello degli isolani. Esempio indissolubile di meta-cinema in cui l’elemento narratologico spicca attraverso la voce che coscientemente racconta il modus vivendi sull’isola europea, simbolo dello spaccato di civiltà in rovina.

Doppia faccia per quanto riguarda il ruolo vissuto dai protagonisti: se da un lato spicca il volto ruvido e oscuro del dottor Pietro Bartolo, il “medico dei salvataggi” che si prodiga ormai da 25 anni nel dare assistenza ai nuovi sventurati arrivati; dall’altro si ha quello dell’innocenza e spensieratezza del piccolo Samuele, che va a scuola e si alterna tra giochi di fionda e partite a caccia.

La vera sostenitrice di Fuocoammare agli Academy Award è Meryl Streep, che quest’anno tocca la ventesima candidatura come miglior attrice protagonista per Florence Foster Jenkins.

Infatti, l’attrice tre volte Premio Oscar ha da subito caldeggiato il progetto sociale di Rosi e, in occasione della Festa del Cinema di Roma, aveva espresso così il suo sostegno:

Il film di Rosi è sicuramente qualcosa di unico, perché nonostante siano storie che riguardano le masse di persone, il tema dell’immigrazione ci tocca solo se vediamo l’immagine di un bambino strappato al mare o quella di un ragazzino in ambulanza coperto di polvere. Solo quel tipo di immagini ci dà la sveglia. Rosi è riuscito attraverso i suoi protagonisti, un ragazzo, un dottore, un deejay su questa piccola isola, a lasciare aperta una porta all’orrore, e con il suo film ha indicato una strada al pubblico per poterci entrare e anche uscirne. Credo che se i membri dell’Academy lo vedranno Fuocoammare avrà delle ottime probabilità”.

Di seguito le candidature degli Oscar 2017:

Miglior film:

La La Land;

Moonlight;

Manchester by the Sea;

Arrival;

Fences;

Hacksaw Ridge;

Hell or High Water;

Hidden Figures;

Lion.

Miglior regia:

Damien Chazelle (La La Land);

Barry Jenkins (Moonlight);

Kenneth Lonergan (Manchester by the Sea);

Denis Villeneuve (Arrival);

Mel Gibson (Hacksaw Ridge).

Attore protagonista:

Ryan Gosling (La La Land);

Casey Affleck (Manchester by the Sea);

Andrew Garfield (Hacksaw Ridge);

Viggo Mortensen (Captain Fantastic);

Denzel Washington (Fences).

Attrice protagonista:

Emma Stone (La La Land);

Natalie Portman (Jackie);

Isabelle Huppert (Elle);

Ruth Negga (Loving);

Meryl Streep (Florence Foster Jenkins).

Attore non protagonista:

Mahershala Ali (Moonlight);

Jeff Bridges (Hell or High Water);

Lucas Hedges (Manchester by the Sea);

Dev Patel (Lion);

Michael Shannon (Nocturnal Animals).

Attrice non protagonista:

Michelle Williams (Manchester by the Sea);

Viola Davis (Fences);

Nicole Kidman (Lion);

Octavia Spencer (Hidden Figures);

Naomie Harris (Moonlight).

Sceneggiatura originale:

La La Land;

Hell or High Water;

The Lobster;

Manchester by The Sea;

20th Century Women.

Sceneggiatura adattata:

Arrival;

Fences;

Hidden Figures;

Lion;

Moonlight.

Miglior film straniero:

Land of Mine (Danimarca);

A Man Called Ove (Svezia);

Il Cliente (Iran);

Tanna (Australia);

Toni Erdmann (Germania).

Miglior film d’animazione:

Oceania;

Zootropolis;

Kubo e la spada magica;

The Red Turtle;

My Life as A Zucchini.

Miglior fotografia:

Arrival;

La La Land;

Lion;

Moonlight;

Silence.

Miglior montaggio:

La La Land;

Arrival;

Moonlight;

Hell or High Water;

Hacksaw Ridge.

Miglior sceneggiatura:

Arrival;

Fantastic Beasts and Where To Find Them;

Hail Caesar;

La La Land;

Passengers.

Migliori costumi:

Allied;

Fantastic Beasts and Where To Find Them;

La La Land;

Jackie;

Florence Foster Jenkins.

Miglior trucco e acconciature:

A Man Called Ove;

Star Trek Beyond;

Suicide Squad.

Migliori effetti speciali:

Rogue One: A Star Wars Story;

Deepwater Horizon;

Doctor Strange;

Il Libro della Giungla;

Kubo e la spada magica.

Miglior sonoro:

Arrival;

Hacksaw Ridge;

La La Land;

Rogue One: A Atar Wars Story;

13th.

Miglior montaggio sonoro:

Arrival;

Deep Water Horizon;

La La Land;

Hacksaw Ridge;

Sully.

Miglior colonna sonora originale:

La La Land;

Jackie;

Lion;

Moonlight;

Passengers.

Miglior canzone:

City of Stars (La La Land);

Audition (La La Land);

Can’t Stop the Feeling (Trolls);

The Empty Chair (Jim: The James Foley Story);

How Far I’ll Go (Oceania).

Miglior documentario:

Fuocoammare;

I Am Not Your Negro;

Life;

Animated;

OJ: Made in America;

13th.

Miglior corto documentario:

Extremus;

4.1 Miles;

The White Helmets;

Joe’s Violin;

Watani My Homeland.

Miglior cortometraggio:

Ennemis Interieurs;

La Femme et le TGV;

Silent Nights;

Sing;

Timecode.

Miglior cortometraggio d’animazione:

Pearl;

Piper;

Blind Vaysha;

Pear Cider and Cigarettes;

Borrowed Time.

di Libero Bentivoglio

© Riproduzione riservata

Guarda anche

Sean Penn scende in prima linea contro il virus

Sean Penn è la star di Hollywood che oltre a dire, fa! Molti suoi illustri colleghi …