Home / Film Reviews / NON ESSERE CATTIVO

NON ESSERE CATTIVO

gruppo_marinelliturettaMe ne accorgo subito quando un film è potente. Me ne accorgo nei primi due minuti, mi viene una specie di sorriso interno che non mi lascia più. In Non essere cattivo mi è bastato vedere i due protagonisti scendere dalla macchina al primo minuto di film per farmi capire che sarebbe stato un grandissimo film. E così è stato. Io non lo so se si può parlare di capolavoro, per me i capolavori li ha fatti solo Federico Fellini. Ma è sicuramente un film PERFETTO. Asciutto, lieve e potente allo stesso tempo. Misuratissimo. Non c’è mai più di quello che Caligari ha voluto raccontare. Non un frame in più. Non indugia mai, non cede mai. Perfetto. Inquadrature perfette, tagli perfetti. Montaggio perfetto. Alessandro Borghi e Luca Marinelli perfetti. Onore a Valerio Mastrandrea che l’ha fortemente voluto e prodotto. Luca Marinelli è’ un attore che stupisce. Quasi irriconoscibile. Straordinario. Alessandro Borghi commuove. Entrambi sono così bravi e così veri da togliere il fiato. Deve essere stato un gran privilegio avere avuto l’opportunità di fare un film così. Un film che io andrò sicuramente a rivedere. Che mi auguro qualcuno voglia mandarlo all’estero. A tratti mi ha ricordato i film di Ken Loach. Ma no, qui c’è anima, anima e sangue.

di Sabrina Paravicini

 

 © Riproduzione riservata

Guarda anche

Ibiza 87: la serie TV dell’autore di Trainspotting racconterà la nascita dell’acid house e dei rave party

  Irvine Welsh, ex tossicodipendente dalla testa rasata, sta collaborando – assieme allo sceneggiatore Dean …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *