Home / Arte / Marco Gallotta: l’artista d’eccezione a New York scelto da Chanel

Marco Gallotta: l’artista d’eccezione a New York scelto da Chanel

unnamed

Marco Gallotta fotografato da Marco Carimando

Marco Gallotta è un artista Italiano a New York. Anzi, è un artista italiano che-non-si-dà-delle-arie-anche-se-ce-la-sta-facendo a New York.

Il suo studio si trova nel basement di in un bel palazzo nell’Upper West Side di Manhattan, al confine con Harlem, a un passo dal nuovo complesso della Columbia University appena inaugurato e realizzato da Renzo Piano. La gentrificazione della Grande Mela Marco, almeno all’inizio, l’ha un po’ subita. In particolare quella legata proprio all’espansione della Columbia. Ma lui non si fa problemi a spostarsi. E’ arrivato qui da Battipaglia, in Italia, provincia di Salerno, passando per il Trentino e Londra.

newyorknovember2016-0001400-2
Art work di Gallotta che ritrae Leonardo Di Caprio

Sul tetto del palazzo cura un bell’orticello. Perché Marco è legato al contesto metropolitano, ma la natura ha un peso altrettanto importante per lui, sia nella sua vita sia nei suoi lavori. Marco si ispira a icone famose del mondo dello spettacolo e il suo background è’ legato alla moda, ma nello stesso tempo la sua maestria si rivela attraverso linguaggi che rimandano al fare dell’artigiano, ai ritmi del vento, alle onde del mare, ai solchi della terra.

newyorknovember2016-1001702
Marco nel suo studio. Ph di Marco Carimando

Marco sarà l’artista scelto da una delle case di moda più glamour al mondo, ma l’obbiettivo del suo intervento sarà dare concretezza a uno dei sensi che nella natura trovano massima esaltazione, il profumo, anzi i profumi. Realizzerà infatti una serie di opere legate a 16 fragranze di Chanel che verranno presentate in un evento speciale a Houston il 29 novembre. A Salerno, invece, Marco tornerà prossimamente, con una mostra che metterà in risalto un’altra sua fonte di ispirazione, il cinema; sarà a Palazzo Fruscione, insieme con il fotografo Marco Carimando.

Le radici non si dimenticano.

di Giulia Carbone

 © Riproduzione riservata

Guarda anche

L’ARA COM’ERA: Innovativo connubio tra cinema, cultura e tecnologia

Dopo lo strepitoso successo delle programmazioni precedenti – che hanno contato circa 11 mila visitatori …