Home / Musica / “GiaGGio un ponte tra la Puglia e l’America, Life in Middle East”

“GiaGGio un ponte tra la Puglia e l’America, Life in Middle East”

foto4

Riparte da New York il tour From East to West di Claudio Mazzarago, in arte GiaGGio: il producer di origine pugliese aveva già vinto la scorsa edizione di Puglia Sound Export che lo aveva portato in giro per l’Europa. Dopo essersi riconfermato vincitore anche dell’ultima edizione, partirà stavolta per un tour in America dal 13 al 25 Novembre. «Sono strafelice di poter lavorare negli USA – racconta Claudio in un’intervista concessa alla redazione di West 46th Magazine – e proprio per il sogno che rappresenta questo traguardo per me, già l’estate scorsa ho deciso di tenere una data a NYC per presentare il mio nuovo singolo “Life in Middle East”». Nei suoi piani c’è un nuovo album da pubblicare entro l’anno prossimo «ma durante le serate di From East to West , oltre al mio nuovo singolo e a qualche brano del mio precedente repertorio, al 90% presenterò delle improvvisazioni: il mio set è studiato proprio per essere creato sul momento, basandomi sull’atmosfera del posto. Nei miei lavori mi piace campionare: ascoltare il mondo è la base per iniziare una nuova composizione. Life in Middle East nasce da questo, dal camminare per la strada di una grande città, immergendomi nel groviglio di persone, suoni e sapori provenienti da ogni angolo e perfettamente in armonia. Ho provato a raccontare come, nonostante cambi la cultura, il modo di vestire, la lingua, le abitudini, conoscere l’altro, con tutto ciò che si porta dentro, è sempre il migliore dei viaggi».

copertinaQuella di GiaGGio si potrebbe considerare una storia iniziata al contrario, infatti si sta facendo conoscere in Europa e negli States prima ancora di potersi ritenere “affermato” in Italia «Non snobbo affatto il pubblico di ascoltatori italiani e naturalmente mi auguro di poter lavorare molto nel mio Paese, in futuro; solo che il pubblico estero è più abituato al genere di sonorità che produco e forse per questo è più facile farsi apprezzare. Dance, house, techno… non sono in grado di dare una definizione di genere esatta a ciò che compongo, direi che si tratta più che altro di tradurre in suono un mio stato mentale. Uno dei miei riferimenti principali sono i Daft Punk. Io poi adoro viaggiare – continua GiaGGio – e cerco di lasciare che luoghi e culture diversi contaminino la mia musica».

Il video di Life in the Middle East, un singolo dal forte richiamo internazionale, è stato girato interamente nella città che non dorme mai. «New York è una città che, anche per via della mia grande passione per il cinema, avevo sempre sognato di visitare e vivere». Il brano prende spunto dalla storia dell’incontro di due ragazzi, uno proveniente da Occidente e uno da Oriente, i quali per un breve periodo, nonostante le differenze culturali si trovano a viversi reciprocamente.

di Candy Valentino
© Riproduzione riservata

Guarda anche

Gianni De Blasi: ecco come nasce un videoclip musicale

Gianni De Blasi, classe ’79, originario di Lecce, migrato prima a Bologna, poi a Parigi …