David di Donatello 2017: “La pazza gioia” è il miglior film

Sempre più Hollywood style per questa 61esima edizione dei Premi David di Donatello svoltasi ieri sera presso gli Studios a Roma e condotta da Alessandro Cattelan. Il nuovo cinema italiano incontra quello di vecchia generazione e tanti sono stati i momenti di grande cinema in questo anno passato. Tra tutti però spicca il trionfo per il film ‘La Pazza Gioia‘ (miglior film) di Paolo Virzì che vince come miglior regista.

Stefano Accorsi vince come miglior attore protagonista grazie al film ‘Veloce come il Vento‘ e Valeria Bruni Tedeschi trionfa come migliore attrice protagonista con ‘La Pazza Gioia‘, regalandoci una performance teatrale divertente e sopra le righe con il suo monologo sui ringraziamenti. Tra gli artisti intervenuti nel consegnare i premi c’erano Claudio Amendola, Manuel Agnelli, Valerio Aprea, Luca Argentero, Alessandro Bertolazzi, Valeria Bilello, Ninni Bruschetta, Maccio Capatonda, Marco D’Amore, Stella Egitto, Stefano Fresi, Eleonora Giovanardi, Alessandro Infascelli, David Lang, Lorenzo Lavia, Valentina Lodovini, Gabriele Mainetti, Gabriele Muccino, Gabriella Pescucci, Eva Riccobono, Claudio Santamaria, Kasia Smutniak, Giuseppe Tornatore, Jasmine Trinca, Carlo Verdone. Momenti di grande comicità con lo sketch “il montatore gelosone”, firmato Maccio Capatonda e non è mancato il momento del ricordo degli artisti scomparsi quest’anno, per una serata di cinema e di gala che si allinea sempre di più con quella degli Oscar e ci da appuntamento al prossimo anno.

Di seguito tutti i vincitori di questa edizione:

Miglior Film a ‘La Pazza Gioia‘ di Paolo Virzì

Migliore Attrice Protagonista a Valeria Bruni Tedeschi per ‘La Pazza Gioia’

Migliore Attore Protagonista a Stefano Accorsi per ‘Veloce Come Il Vento’

Migliore Regista a Paolo Virzì per ‘La Pazza Gioia’

Miglior Attirce Non Protagonista a Antonia Truppo per ‘Indivisibili’

Miglior Attore Non Protagonista a Valerio Mastandrea per la sua interpretazione nel film ‘Fiore’

Premio David alla Carriera a Roberto Benigni

Migliore Sceneggiatura Adattata a Gianfranco Cabiddu, Ugo Chiti e Salvatore De Mola per ‘La Stoffa Dei Sogni’

Migliore Sceneggiatura Originale a Nicola Guaglianone, Barbara Petronio ed Edoardo De Angelis per ‘Indivisibili’

Miglior Film Straniero ad ‘Animali Notturni‘ di Tom Ford

Migliore Musicista a Enzo Avitabile per ‘Indivisibili’

Migliore Produttore ad Attilio De Razza e Pierpaolo Verga per ‘Indivisibili’

Migliore Documentario a ‘Crazy For Football‘ di Volfango De Biasi

Migliore Cortometraggio ad ‘A Casa Mia‘ di Mario Piredda

Migliore Autore Della Fotografia a Michele D’Attanasio per ‘Veloce Come Il Vento’

Migliore Regista Esordiente a Marco Danieli per ‘La Ragazza Del Mondo’

Migliore Canzone Originale ad ‘Abbi Pietà Di Noi’, musica e testi di Enzo Avitabile per ‘Indivisibili’

Migliori Effetti Digitali ad Artea Film & Rain Rebel Alliance International Network per ‘Veloce Come Il Vento’

Migliore Montatore a Gianni Vezzosi per ‘Veloce Come Il Vento’

Miglior Scenografo a Tonino Zera per ‘La Pazza Gioia’

Miglior Film dell’Unione Europea a ‘Io Daniel Blake‘ di Ken Loach

Migliore Suono ad Angelo Bonanni, Diego De Santis, Mirko Perri e Michele Mazzucco per ‘Veloce Come Il Vento’

Premio David Giovani al film ‘In Guerra Per Amore‘ di Pierfrancesco Diliberto

Migliore Acconciatore a Daniela Tartari per ‘La Pazza Gioia’

Migliore Truccatore a Luca Mazzoccoli per ‘Veloce Come Il Vento’

Migliore Costumista a Massimo Cantini Parrini per ‘Indivisibili’

 

Da redazione

 

 © Riproduzione riservata

Guarda anche

Sean Penn scende in prima linea contro il virus

Sean Penn è la star di Hollywood che oltre a dire, fa! Molti suoi illustri colleghi …